I politici europei a favore della riforma sanitaria sociale
Da: EPDAPLUS Inverno 2011 - num. 15
(
www.epda.eu.com)
This article has been provided with the kind permission of the European Parkinson’s Disease Association.
Questo articolo è pubblicato con il cortese permesso dell'EPDA (European Parkinsons's Disease Association).


Danuta Hübner, deputato polacco e presidentessa del comitato di sviluppo regionale del Parlamento europeo, ha espresso il proprio sostegno in favore degli sforzi della Commissione europea (UE) per incoraggiare la ricerca e lo sviluppo (R&D) nella regione. Il suo sostegno segue la presentazione ad ottobre da parte del commissario Máire Geoghegan-Quinn di una politica faro mirata ad incoraggiare gli investimenti nella ricerca e nell’innovazione.
I piani prevedono il reclutamento di almeno un milione di ricercatori nel settore. Sia l’onorevole Hübner che il commissario hanno tenuto una lezione magistrale durante l’incontro “Researchers in Motion” tenutosi a Bruxelles. La Hübner ha affermato che la ricerca e lo sviluppo “hanno un ruolo fondamentale da svolgere” nell’aiutare le regioni e le città a riemergere con successo dalla grave crisi economica.
L’evento ha riunito ricercatori di primo piano dall’Europa e dal mondo intero. Geoghegan-Quinn ha dichiarato che benché il numero di ricercatori sia in aumento dal 2000 ad un tasso maggiore rispetto a Stati Uniti e Giappone, l’Europa “è ancora indietro” se si calcola la percentuale di ricercatori rispetto ai lavoratori totali.
“Questo problema dev’essere risolto rapidamente” ha commentato. “Vorremmo creare in Europa una figura di ricercatore con un’identità comune, trasparente, chiaramente definita e intersettoriale per aiutare sia i datori di lavoro sia i singoli ricercatori. Auspico che il quadro venga approvato nel 2011”.
Inoltre, la presidenza belga del Consiglio dell’UE ha affermato che intende includere la sanità nella propria agenda sociale e incoraggiare la convergenza sociale verso standard più alti delineando obiettivi e indicatori di performance. La presidenza ha anche sottolineato il valore aggiunto dell’UE nel miglioramento dell’assistenza sanitaria.
Il Consiglio avvierà le discussioni politiche necessarie a permettere agli stati membri e all’UE di gestire insieme i rischi sanitari mentre proseguiranno i negoziati per una direttiva sull’assistenza sanitaria transnazionale. Verrà prestata particolare attenzione ai professionisti del settore sanitario, ai fattori sociali determinanti per la salute, alla lotta contro il cancro e le malattie croniche nonché alla solidarietà e all’innovazione nel settore dei medicinali brevettati. Proseguirà anche la lotta al crescente fenomeno della contraffazione di farmaci.

Originating EPDA Plus issue on the EPDA website

Torna al riepilogo di EPDAPLUS Inverno 2011: Vai