.
Parkinson e cuore malato: affrontare il problema anche con l'alimentazione.
da: La Gazzetta di Parma
di: Mara Varoli
(18 novembre 2003)

Per saperne di più, l'Unione parkinsoniani ha ospitato nella sede di via Saffi il presidente dell'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Parma nonchè specialista in cardiologia Tiberio D'Aloia che, alla presenza di un pubblico piuttosto consistente e della presidente dell'Unione Parkinsoniani Giuliana Masini, è intervenuto su "La patologia cardiovascolare nell'anziano e nel malato di Parkinson": "E' una malattia che colpisce persone di media e alta età - ha detto D'Aloia - e quindi si tratta di capire le intersecazioni fra due patologie e le interferenze farmacologiche che esistono nelle terapie cardiovascolari e in quelle di Parkinson: sinergie ed effetti collaterali dell'uno ed effetti collaterali dell'altro". Naturalmente, non sono mancati i suggerimenti per condurre una vita tranquilla e serena: "Esistono suggerimenti dietologici - ha continuato D'Aloia - come ad esempio il controllo del consumo del sale e il consumo di proteine animali. Ma anche suggerimenti che riguardano il metodo esatto per misurare la pressione arteriosa e tenerla sotto controllo, l'uso di diete particolari per la stipsi che travaglia il Parkinson e che di fatto con i farmaci cardiovascolari si può accentuare. E' una malattia che ha avuto grande evoluzione: il merito della farmacologia è notevole. Anche se non abbiamo ancora trovato una medicina ad hoc che risolve il Parkinson. Esistono solo medicine che alleviano la malattia. Una malattia importante proprio perchè sta aumentando con l'aumento dell'invecchiamento della popolazione".
A Parma sono quasi mille le persone affette dalla malattia del morbo di Parkinson: "La nostra Associazione è nata alla fine del 1992 - ha spiegato la presidente Giuliana Masini - per rispondere alle necessità dei malati e delle loro famiglie. Per sentirsi più uniti ed aiutati, in questo loro momento di crisi della vita. L'Unione Parkinsoniani è un centro di aggregazione ed è diventata così un punto di riferimento per tutti i malati: ci ritroviamo ogni settimana, organizziamo incontri informativi mensili, invitiamo psicologi che lavorano con gruppi di pazienti e facciamo un giornalino per la popolazione di Parma e provincia, ma anche per pazienti di altre città italiane, proprio perchè la nostra associazione è molto conosciuta. Abbiamo prodotto il sito internet, una cassetta video con gli esercizi per la ginnastica, una cassetta audio per la rieducazione della voce e alcuni manuali per i blocchi motori. Ci occupiamo della vita del paziente e del mantenimento delle sue facoltà fisiche ed intellettuali".