Regione Veneto: OK a chirurgia contro il morbo di Parkinson.
da: asca.it
(5 gennaio 2004)
(ASCA) - Venezia, 5 gen - L'impianto di neurostimolatori cerebrali e' un intervento praticato principalmente nell'Uls di Vicenza, la prima a scegliere questa strada nel Veneto, e proprio il presidente dell'Associazione Vicentina Malattia di Parkinson Bruno Cappelletti aveva scritto in Regione, e poi incontrato l'assessore Gava, per sollecitare la soluzione del problema.
Uno specifico Gruppo di Lavoro, costituito dai rappresentanti veneti delle Associazioni Scientifiche di
ambito neurologico, neurochirurgico e neuroradiologico, ha effettuato una ricognizione delle evidenze scientifiche sull'utilizzo dei neurostimolatori, ed ha elaborato tre protocolli di selezione dei pazienti parkinsoniani trattabili chirurgicamente: si tratta di persone affette da malattia di Parkinson (stimolatore nel nucleo subtalamico), da tremore essenziale (stimolatore nel nucleo vimtalamico), da distonia di torsione idiopatica (stimolatore nel globo pallido interno).

Questo testo era pubblicato su Internet nella pagina http://www.asca.it/docs/news/societa/ASC0049.shtml, del 5 gennaio 2004, non pił in linea.

Integriamo questa notizia segnalando che la Giunta regionale del Veneto ha inserito nel tariffario di prestazione riconosciuto alle Ullss (il Drg) i costi per l'impianto di uno stimolatore neurologico per la stimolazione cerebrale profonda (16.000 Euro).