Si chiama entacapone la speranza in pi¨ per combattere il Parkinson.
La Repubblica.it
(9 luglio 2004)
Si chiama entacapone la speranza in pi¨: una molecola in grado di ottimizzare l'effetto della levodopa, il farmaco usato abitualmente per i pazienti parkinsoniani.
La specialitÓ medicinale Ŕ relativamente nuova, ma soltanto in Italia Ŕ ancora esclusa dal rimborso.
La Toscana sarÓ la prima Regione a passare il farmaco gratuitamente e a condurre uno studio osservazionale su qualche centinaio di pazienti.
"L'entacapone ha l'effetto di prolungare la durata della levodopa e di migliorare la mobilitÓ dei pazienti", spiega Ubaldo Bonuccelli, primario di Neurologia dell'ospedale della Versilia, presidente dell'Associazione disturbi del movimento e malattia di Parkinson della SocietÓ italiana di neurologia, uno dei coordinatori dello studio, "All'inizio della terapia la levodopa funziona pi¨ a lungo, poi, col passare del tempo, l'effetto si riduce a 2-3 ore. Ma non si deve prendere pi¨ di 5 volte nell'arco della giornata.
Con l'entacapone, la durata della levodopa aumenta. Tanto che negli Stati Uniti la levodopa viene prodotta giÓ associata all'entacapone". Nel 2003 in Italia sono state vendute circa 20mila confezioni di entacapone.
Ma il costo Ŕ elevato: 139 euro la scatola, che basta per 20 giorni (100 compresse, 5 al giorno).
La Toscana (10.000 i pazienti, mille dei quali potrebbe trovare beneficio dall'associazione di farmaci) ha deciso di garantire l'accesso gratuito al farmaco a tutti i pazienti che ne hanno bisogno, e contemporaneamente di condurre uno studio osservazionale che durerÓ tre mesi: ai pazienti che accetteranno di partecipare verranno sottoposte alcune schede e sarÓ chiesto di compilare un diario quotidiano dei sintomi. (lucia zambelli)
Copyright 2004 La Repubblia.it
Questo testo era pubblicato su Internet nella pagina http://www.repubblica.it/supplementi/salute/2004/07/08/medicinaassistenzaesanitagrave/026cur41326.html, dell'8 luglio 2004, non pi¨ in linea.