Una proteina aiuta a riparare i danni del sistema nervoso.
Virgilio.it
(2 gennaio 2004)
(Apcom) - Alcune cellule cerebrali conservano la capacità di differenziarsi in neuroni di tipo diverso. Una scoperta che offre speranze sulla terapia con cellule staminali per ricostruire i circuiti neuronali danneggiati dal Parkinson, da traumi al midollo spinale e da qualsiasi altro trauma che porti al danneggiamento neuronale.
Secondo Carina Hanashima, della New York University, quando, negli embrioni di mammiferi, si sviluppa la corteccia, i primi neuroni vanno a formare gli strati più profondi, mentre quelli successivi di altro tipo vanno a costituire, gradualmente, tutti gli altri strati fino a quelli più superficiali. Da precedenti ricerche era emerso che questa "linea di produzione" neurale non poteva tornare indietro, una volta che si era passati dalla produzione del primo tipo di cellule, alle ultime.
Ora però Hanashima ha dimostrato, in esperimenti su cavie di laboratorio, che le cellule progenitrici non perdono la loro capacità di produrre la prima varietà di cellule e che esiste una proteina regolatrice, Foxg1, che, mentre in condizioni normali, ha la funzione di inibire la produzione delle forme più primitive di neuroni, nella forma mutata produrrebbe indefinitivamente questo tipo di cellule.

Copyright 2004 APCOMIL
Copyright 1997-2004 Matrix Spa.
Questo testo era pubblicato su Internet nella pagina http://notizie.virgilio.it/informazione/scienze_e_tecnologie/articolo.html?cart=10309730, del 3 gennaio 2004, non più in linea.