Agevolazioni per l'auto e barriere architettoniche.

 

Ci hanno fatto questa domanda alla quale volentieri rispondiamo.

Mi è stata riconosciuta l'invalidità civile a causa della malattia di Parkinson, vorrei sapere se posso ottenere delle agevolazioni per quanto riguarda l'acquisto di una automobile e per l'installazione di un ascensore in casa. (Lettera firmata)

I disabili con ridotte o impedite capacità motorie ma non affetti da gravi limitazioni alla capacità di deambulazione sono ammessi alle agevolazioni auto a condizione di utilizzare veicoli adattati.
Al veicolo adattato è applicabile l'IVA al 4% anziché al 20% per l'acquisto di autovetture aventi cilindrata fino a 2000 cc, se con motore a benzina, e fino a 2800 cc, se con motore diesel.
Inoltre per l'acquisto dei mezzi di locomozione adattati si ha diritto a una detrazione di imposta pari al 19% ed alla esenzione dal pagamento del bollo auto.
Per i disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni, nonché ai disabili con handicap psichico o mentale titolari dell'indennità di accompagnamento, queste agevolazioni si applicano a prescindere dall'adattamento.

Per quanto riguarda la realizzazione delle opere direttamente finalizzate al superamento e all'eliminazione delle barriere architettoniche, sono concessi contributi a fondo perduto in misura pari alla spesa effettivamente sostenuta per costi (determinati in vecchie lire) fino a 5 milioni; per costi da 5 a 25 milioni il contributo è aumentato del 25% della spesa sostenuta; per costi da 25 a 100 milioni il contributo è aumentato di un ulteriore 10%. La domanda per ottenere il contributo deve essere presentata, in bollo, al Sindaco dei Comune in cui si trova l'immobile entro il 1° marzo di ciascun anno e comunque prima dell'esecuzione dei lavori. L'erogazione dei contributo avviene poi su presentazione di fatture debitamente quietanzate.

Azione Parkinson Roma News - n.2 giugno 2002