Prime cellule staminali da embrioni umani clonati.
Yahoo Italia - Notizie
(12 febbraio 2004)
WASHINGTON (Reuters) - Gli scienziati sudcoreani e americani hanno annunciato di aver clonato embrioni umani e di aver estratto da loro cellule staminali. Si tratta del primo esperimento del genere di cui è stata fornita documentazione scientifica, un passo che testimonia come la clonazione a fini terapeutici non sia più una teoria ma una realtà.
I sostenitori della clonazione medica sostengono che questa può trasformare la medicina, offrendo trattamenti su misura e altamente efficaci per malattie che vanno dal morbo di Parkinson al diabete. E sostengono che potrebbe anche portare crescita di organi personali per il trapianto.
Le cellule staminali prelevate dai piccoli embrioni conosciute come blastocisti hanno la caratteristica di svilupparsi in ogni tipo di cellula del tessuto del corpo.
"Il nostro approccio apre la porta all'uso di particolari cellule sviluppate nella medicina di trapianto", ha detto Woo Suk Hwang della Seul National University in Corea, che ha coordinato lo studio.
Ma i critici sostengono che (questa tecnica) prevede la distruzione di un embrione umano, per quanto piccolo, cosa considerata contraria all'etica. L'amministrazione Bush ed i suoi alleati in Congresso stanno tentando di mettere fuori legge questa tecnologia sia negli Stati Uniti che nel resto del mondo.
Sulla rivista Science, Hwang ed i suoi colleghi hanno spiegato di aver creato la clonazione usando ovuli e cellule donate da donne coreane.
Le cellule del cumulus si trovano nelle ovaie ed in alcune specie hanno dimostrato di lavorare particolarmente bene soprattutto in esperimenti di clonazione.
Gli scienziati hanno sinora clonato pecore, topi, vitelli ed altre specie ma hanno avuto difficoltà nel clonare esseri umani. L'anno scorso una società del Massachusetts, Advanced Cell Technology, aveva annunciato di aver effettuato una clonazione di un embrione, non cresciuto abbastanza però per fornire cellule staminali. La società ci sta riprovando ma non ha dato notizia dei propri progressi.

Copyright ©2004 Reuters. Tutti i diritti riservati.
Copyright © 2004 Yahoo! S.r.l. Tutti i diritti riservati.
Questo testo era contenuto nella pagina http://it.news.yahoo.com/040212/58/2nh47.html non più in linea.